19/07/2018 - I CAMPIONATO EUROPEO MASTER-HELSINGBORG (SVEZIA)



Come uno tsunami (noi della FIPL conosciamo bene il significato sportivo di questa parola…), un’onda potente e colorata d’azzurro si è abbattuta sulle coste della Svezia.

Le immagini dello streaming e le classifiche di “goodlift” ci hanno dato l’esatta dimensione di della potenza di quell’ onda.
Elena, Anna Antonia, Sara, Michele e Francesco hanno portato a casa risultati che vanno oltre le nomination preliminari, primeggiando nelle proprie categorie e stabilendo Record italiani In particolare dobbiamo ricordare gli splendidi record italiani, Europei e Mondiali di Giorgio Agostinoni ( e credo che resteranno imbattuti per lungo tempo) ed il record Italiano ed Europeo di stacco, oltre agli altri record, di Roberta Monaco.

Le nostre Master ed i nostri Master, in un’età nella quale “quelli normali” pensano ai nipoti o, i più sportivi vanno a passeggio al parco, si gettano in una mischia carica di adrenalina, in spregio alle raccomandazioni della medicina sportiva che raccomanda tutt’altre attività fisiche.

Ma i nostri eterni “Moschettieri” (donne ed uomini) sono lì a testimonianza ed esempio per tutti, soprattutto per i più giovani.
La stupidaggine più “stupida” che si possa dire è “si ma sono in pochi in categoria”…..Bene, al genio che possa pronunciare questa affermazione, normalmente un campione” da tastiera di computer, dico: la pedana della FIPL è questa, le nostre Master ed i nostri Master sono lì….non ti
resta che….piangere, se mai dovessi provare a sfidarli.

Anche ai Master dico non dimenticate mai e poi mai i vostri Coach: vi accompagnano, vi sostengono, vi guidano come sub-Juniores (anche un Master quando va in pedana torna un po’ bambino…)

Ed a tutti ricordo una cosa: se non ci fosse la FIPL come mai potremmo avere tali opportunità sportive?
Dietro ogni grande impresa sportiva, nazionale o internazionale. c’è sempre una grande organizzazione: la nostra FIPL

Cari giovani, quando scenderete in pedana accanto ad un Master, vi dovete sentire onorati di stringere fra le mani lo stesso bilanciere o utilizzare lo stesso magnesio. E nella vostra vita (lunga vi auguro) sportiva non dimenticate mai quei visi sempre sorridenti, segnati dal tempo ma mai domi.
E ancora non dimenticate mai che, come lessi su una t-shirt di un Atleta Mahori nel mio Mondiale del 2006 negli USA,:

Time spent with Masters, is time spent with Gods.

Per il Consiglio

Il Presidente
Sandro ROSSI


<<-- Torna Indietro